Come uscire dalla dipendenza dei social!! - BLOG-CONNECTION

La Digitalizzazione non è solo smartphone!! BC è la tua agenzia di comunicazione.

Cerca in BC: interviste, articoli, comunicazione, social, web radio, digital, streaming

Come uscire dalla dipendenza dei social!!

Share This
Non si vive più nel mondo di ieri, ma concettualmente non possiamo essere sempre legati al passato. 





Cibarsi della tecnologia del nuovo mondo, e cibarsi dell'evoluzione che ha portato nel corso del tempo è da un lato un aspetto positivo, ma dall'altro anche negativo. Tutti noi, senza ombra di dubbio, gioviamo della presenza e della ricerca di questa evoluzione tecnologica. Da un lato, però, ne subiamo le conseguenze più negative senza ribellarci.  Tutto ciò accade purtroppo, durante la quotidianità più pura. 
Ed è in essa, purtroppo, che ci accorgiamo di aver perso qualcosa nel corso dell'evoluzione delle cose. 


Basta guardarci intorno, mentre siamo al mare, mentre siamo al supermercato, mentre andiamo dal medico o all'autolavaggio. Beh... il  mondo è ormai dipendente allo smartphone e dalla tecnologia!!

Pare che l'unico obiettivo consone alle caratteristiche primarie di un uomo, siano quelle legati alla realizzazione di un ricordo, di un amarcord, di un selfie da pubblicare sulle bacheche dei propri social network, dimenticando tutto ciò che è invece intrigo alla vita. 

E...allora oggi cerchiamo di trovare insieme una soluzione per uscire da questa dipendenza!!! 
..............................................................................................................................................................


Sulla questione della dipendenza dai social, ho già dato il mio personale contributo, ed è possibile leggere l'articolo accedendo nella sezione del sito "Le News". 
Nel presente post, nel presente articolo, discuteremo invece su come uscirne fuori. 

La mania di protagonismo, e la smania per sentirsi considerati non solo dal vicino di casa, ma da una collettività, e l'immagine di chi frequenta il mondo dello spettacolo, hanno contribuito a dettare legge sulla dipendenza dell'uso dei social. A dimostrazione di ciò, aggiungiamo i fatti degli ultimi giorni di cronaca, che notificano la volontà dei ragazzi di salire su grattacieli e palazzi giganteschi per uno scatto da far impazzire i followers. Oppure, la moda dell'ultima ora, dove l'assorbente viene indossato invisibile, durante il ciclo mestruale, ovviamente nel gentil sesso. Mode queste che fortificano una forte, scusa il gioco di parole, dipendenza su contenuti preoccupanti. 

Per uscirne fuori, basterebbe educare all'uso della tecnologia, non pensando che avere uno smartphone e saperlo utilizzare, tramite Facebook, Instagram, What's app, significa essere parte attiva della comunicazione digitale.

Infatti, molti fanno finta di non sapere, che usare uno smartphone, non significa conoscere la "digital comunication".

..................................................................................................................................................................



In questo post, però poniamo l'accento, su come poter uscirne fuori da questo uso massiccio.

Per uscire fuori da questa situazione non basta, in effetti, educare all'uso quotidiano del cellulare, non basta dire ai figli, o ai commensali durante i pasti, di non usare il loro apparecchio. Basterebbe, a mio avviso, consigliarli a documentarsi sulle vicende legati all'uso dello smartphone con i dati raccolti dalle maggiore agenzie, ad esempio, che raccontano una forte crescita delle ore passati davanti al telefono.

Basterebbe, anche far notare quali sono gli aspetti positivi della globalizzazione, dettati dall'uso odierno del cellulare e quali sono invece quelli negativi. In ogni azione, ci sono i lati positivi e i lati negativi. Nel caso di specie, è positivo che ormai possiamo controllare tutto con l'uso di un app, di un dispositivo mobile, ma è anche negativo, che i dispositivi che utilizziamo e i programmi che adoperiamo, raccolgono le nostre informazioni per tenerli custoditi per un certo periodo di tempo. E ancor più, è negativo, che questi dispositivi, tutti dotati di localizzatori "GPS", di codici Imei, trasmettono la nostra presenza ai posteri. E' la nostra libertà dov'è? Siamo perennemente controllati?

Io credo, che siamo perennemente controllati di chi deve vegliare sulle nostre teste e credo che abbiano dato la possibilità di cibarsi di queste apparecchiature, per aver un maggior controllo sugli uomini, sugli individui, sui singoli. (a breve parleremo appunto di ciò qui su blogconnetion)

..................................................................................................................................................................

Infine, usare l'evoluzione tecnologica, è sicuramente un elemento positivo e va quantomeno difeso e salvaguardato, ma è anche vero che quest'ultima non deve essere usata in maniera assurda con troppa considerevole dipendenza. D'altronde, al supermercato, dal medico, dal dentista, ai semafori, alla guida, siamo tutti i preda ad avere nel palmo della nostra mano il cellulare e addirittura gli adolescenti, ad esempio, escono da scuola ed hanno già il telefono in mano e vedi in giro, nella piazze, e in ogni dove, signore, ragazze e signorine, che anziché avere il cellulare nella borsa da passeggio tengono comodamente in mano il loro dispositivo per rimanere sempre in attesa che arrivi un sussulto per una notifica dai social.

E' stato costruito questo mondo, per fare in modo che diventassimo tutti dipendenti a un qualcosa che non è una droga, un elemento considerato illegale, ma è in certi versi, appunto, una droga.

Tra non molto, su questo blog, uscirà un articolo che spero possa aprire le coscienze di tutti e possa aiutare a comprendere il paradossale  momento che l'umanità sta vivendo. 

Alessandro Bagnato
Founder di BlogConnection

Posta un commento

MEDIA PARTNER

ASD_SANARICA radio_waves_tricase

Come uscire dalla dipendenza dei social!!

Non si vive più nel mondo di ieri, ma concettualmente non possiamo essere sempre legati al passato. 





Cibarsi della tecnologia del nuovo mondo, e cibarsi dell'evoluzione che ha portato nel corso del tempo è da un lato un aspetto positivo, ma dall'altro anche negativo. Tutti noi, senza ombra di dubbio, gioviamo della presenza e della ricerca di questa evoluzione tecnologica. Da un lato, però, ne subiamo le conseguenze più negative senza ribellarci.  Tutto ciò accade purtroppo, durante la quotidianità più pura. 
Ed è in essa, purtroppo, che ci accorgiamo di aver perso qualcosa nel corso dell'evoluzione delle cose. 


Basta guardarci intorno, mentre siamo al mare, mentre siamo al supermercato, mentre andiamo dal medico o all'autolavaggio. Beh... il  mondo è ormai dipendente allo smartphone e dalla tecnologia!!

Pare che l'unico obiettivo consone alle caratteristiche primarie di un uomo, siano quelle legati alla realizzazione di un ricordo, di un amarcord, di un selfie da pubblicare sulle bacheche dei propri social network, dimenticando tutto ciò che è invece intrigo alla vita. 

E...allora oggi cerchiamo di trovare insieme una soluzione per uscire da questa dipendenza!!! 
..............................................................................................................................................................


Sulla questione della dipendenza dai social, ho già dato il mio personale contributo, ed è possibile leggere l'articolo accedendo nella sezione del sito "Le News". 
Nel presente post, nel presente articolo, discuteremo invece su come uscirne fuori. 

La mania di protagonismo, e la smania per sentirsi considerati non solo dal vicino di casa, ma da una collettività, e l'immagine di chi frequenta il mondo dello spettacolo, hanno contribuito a dettare legge sulla dipendenza dell'uso dei social. A dimostrazione di ciò, aggiungiamo i fatti degli ultimi giorni di cronaca, che notificano la volontà dei ragazzi di salire su grattacieli e palazzi giganteschi per uno scatto da far impazzire i followers. Oppure, la moda dell'ultima ora, dove l'assorbente viene indossato invisibile, durante il ciclo mestruale, ovviamente nel gentil sesso. Mode queste che fortificano una forte, scusa il gioco di parole, dipendenza su contenuti preoccupanti. 

Per uscirne fuori, basterebbe educare all'uso della tecnologia, non pensando che avere uno smartphone e saperlo utilizzare, tramite Facebook, Instagram, What's app, significa essere parte attiva della comunicazione digitale.

Infatti, molti fanno finta di non sapere, che usare uno smartphone, non significa conoscere la "digital comunication".

..................................................................................................................................................................



In questo post, però poniamo l'accento, su come poter uscirne fuori da questo uso massiccio.

Per uscire fuori da questa situazione non basta, in effetti, educare all'uso quotidiano del cellulare, non basta dire ai figli, o ai commensali durante i pasti, di non usare il loro apparecchio. Basterebbe, a mio avviso, consigliarli a documentarsi sulle vicende legati all'uso dello smartphone con i dati raccolti dalle maggiore agenzie, ad esempio, che raccontano una forte crescita delle ore passati davanti al telefono.

Basterebbe, anche far notare quali sono gli aspetti positivi della globalizzazione, dettati dall'uso odierno del cellulare e quali sono invece quelli negativi. In ogni azione, ci sono i lati positivi e i lati negativi. Nel caso di specie, è positivo che ormai possiamo controllare tutto con l'uso di un app, di un dispositivo mobile, ma è anche negativo, che i dispositivi che utilizziamo e i programmi che adoperiamo, raccolgono le nostre informazioni per tenerli custoditi per un certo periodo di tempo. E ancor più, è negativo, che questi dispositivi, tutti dotati di localizzatori "GPS", di codici Imei, trasmettono la nostra presenza ai posteri. E' la nostra libertà dov'è? Siamo perennemente controllati?

Io credo, che siamo perennemente controllati di chi deve vegliare sulle nostre teste e credo che abbiano dato la possibilità di cibarsi di queste apparecchiature, per aver un maggior controllo sugli uomini, sugli individui, sui singoli. (a breve parleremo appunto di ciò qui su blogconnetion)

..................................................................................................................................................................

Infine, usare l'evoluzione tecnologica, è sicuramente un elemento positivo e va quantomeno difeso e salvaguardato, ma è anche vero che quest'ultima non deve essere usata in maniera assurda con troppa considerevole dipendenza. D'altronde, al supermercato, dal medico, dal dentista, ai semafori, alla guida, siamo tutti i preda ad avere nel palmo della nostra mano il cellulare e addirittura gli adolescenti, ad esempio, escono da scuola ed hanno già il telefono in mano e vedi in giro, nella piazze, e in ogni dove, signore, ragazze e signorine, che anziché avere il cellulare nella borsa da passeggio tengono comodamente in mano il loro dispositivo per rimanere sempre in attesa che arrivi un sussulto per una notifica dai social.

E' stato costruito questo mondo, per fare in modo che diventassimo tutti dipendenti a un qualcosa che non è una droga, un elemento considerato illegale, ma è in certi versi, appunto, una droga.

Tra non molto, su questo blog, uscirà un articolo che spero possa aprire le coscienze di tutti e possa aiutare a comprendere il paradossale  momento che l'umanità sta vivendo. 

Alessandro Bagnato
Founder di BlogConnection

Share This Article:

, , , ,
Posta un commento