Come ricercare la verità... - BLOG-CONNECTION

La Digitalizzazione non è solo smartphone!! BC è la tua agenzia di comunicazione.

Cerca in BC: interviste, articoli, comunicazione, social, web radio, digital, streaming

Qual'è il luogo della verità?
Come riusciamo a raggiungerla?


A volte ci chiediamo, come possiamo trovare quel sentimento umano legato al concetto di verità, ed anche come possiamo ricercarla per dare delle risposte esaustive alle nostre domande. Su questo tema si sono dibattuti filosofi e pensatori,  e sin dall'antichità, nonostante volumi su volumi, manoscritti su manoscritti, la giusta strada, la giusta formula non è stata trovata. Anzi alcune testimonianze, sono giunte sino ai nostri giorni. 


Detto questo, data anche l'epoca che stiamo vivendo,  analizzeremo la questione dal punto di vista della "digital comunication", tema cardine di questo contenitore.

Preciso che non si tratta di un articolo prettamente scientifico, ma spero che possa esserti d'aiuto per avvicinarti e per comprendere allo stesso tempo, un tema così importante e delicato. 

Iniziamo...

Il concetto di verità, è un principio cardine della relazione tra gli uomini e viene spesso inserito come scudiero della propria vita, ma a volte, non si riesce a trovare la netta soluzione alle domande, ancor più nell'era della comunicazione digitale. Cosa sia la verità, non devo dirvelo io, ma posso certamente offrirvi una chiave di lettura diversa. 

Ancor più, quando si cerca di trovare o di scandire un luogo dove questa verità sia racchiusa. I luoghi della verità, o presunti tali, possono essere in ogni vissuto dell’uomo, e si trovano insite in ogni, a mio avviso, suo passo. Una volta, questa verità, forse, e ripeto forse, si eleggeva attraverso la ricerca costante del miglioramento dell’intelletto, della forza propulsiva della mente, a oggi, le cose, grazie anche all’evoluzione contemporanea, questo elemento ha subito un netto e drastico cambiamento.
Infatti, da quando è nato l’universo del web, della navigazione in rete, e soprattutto da quando sono nati quei dispositivi mobili che tutti utilizziamo, il concetto di verità ha subito la trasformazione che forse nessuno aveva mai ipotizzato. Ciò lo si ravvede nell’uso del web che si fa nei nostri giorni e ci potrebbero essere svariati esempi per rappresentarlo. 

Un esempio è dato dal metodo di ricerca che oggi si utilizza. Oggi quando abbiamo bisogno di trovare delle informazioni, la prima cosa che facciamo, è una ricerca veloce e rapida, in principio di “web smart”, sul mondo dell’informazione del web. Andiamo a cercare quelle informazioni che il più delle volte non corrispondono al vero ma trovandole in questo contenitore globale, sembrano che siano sacrosante verità.  In questa semplice struttura, troviamo, la ricerca di informazioni tramite il “feed notizie” di Facebook, che ci consiglia dei link pubblicati da fonti esterne. Notizie che prendono la nostra attenzione e ricevano quella visualizzazione, forse, anche inattesa.


In questo caso, una volta, che ci troviamo dinnanzi a una notizia su Facebook, la maggior parte delle volte, e per la maggior parte delle persone che navigano su questo social, si tratta di notizie ritenute di assoluta e certa verità, senza neanche controllare la fonte di provenienza del post letto. Poiché si trova sul social per antonomasia, quest’ultima si tinge subito di certezza al 100%.   Così nascono anche le famose “fake news”, e su questo blog ho già pubblicato un articolo sull’argomento delle notizie false, che puoi leggere da qui.



Tecnicamente la ricerca della verità, si è spostata, su un luogo prettamente detto, e qui rispondiamo alla domanda iniziale di questo post, che sono i social nel loro virtuoso e proficuo mondo dell’ online. Una ricerca che non si nutre di quegli elementi che sino a qualche anno addietro erano considerati fondamentali e di assoluta ricchezza umanistica, ma che si nutre di una semplice ricerca su una lente d’ingrandimento su un motore di ricerca sul web o su una piattaforma social. Il concetto di verità si è spostato riserbando così un altro modo di vivere il mondo.

E' un bene questo per la società? 
Rispondi a questa domanda e cerchiamo di riflettere insieme su questo tema.


Alessandro Bagnato
Esperto in Social Media Marketing e Comunicazione
Dott. In Filosofia e Scienze Umane
Founder  di BlogConnection
Posta un commento

MEDIA PARTNER

ASD_SANARICA radio_waves_tricase

Come ricercare la verità...

Qual'è il luogo della verità?
Come riusciamo a raggiungerla?


A volte ci chiediamo, come possiamo trovare quel sentimento umano legato al concetto di verità, ed anche come possiamo ricercarla per dare delle risposte esaustive alle nostre domande. Su questo tema si sono dibattuti filosofi e pensatori,  e sin dall'antichità, nonostante volumi su volumi, manoscritti su manoscritti, la giusta strada, la giusta formula non è stata trovata. Anzi alcune testimonianze, sono giunte sino ai nostri giorni. 


Detto questo, data anche l'epoca che stiamo vivendo,  analizzeremo la questione dal punto di vista della "digital comunication", tema cardine di questo contenitore.

Preciso che non si tratta di un articolo prettamente scientifico, ma spero che possa esserti d'aiuto per avvicinarti e per comprendere allo stesso tempo, un tema così importante e delicato. 

Iniziamo...

Il concetto di verità, è un principio cardine della relazione tra gli uomini e viene spesso inserito come scudiero della propria vita, ma a volte, non si riesce a trovare la netta soluzione alle domande, ancor più nell'era della comunicazione digitale. Cosa sia la verità, non devo dirvelo io, ma posso certamente offrirvi una chiave di lettura diversa. 

Ancor più, quando si cerca di trovare o di scandire un luogo dove questa verità sia racchiusa. I luoghi della verità, o presunti tali, possono essere in ogni vissuto dell’uomo, e si trovano insite in ogni, a mio avviso, suo passo. Una volta, questa verità, forse, e ripeto forse, si eleggeva attraverso la ricerca costante del miglioramento dell’intelletto, della forza propulsiva della mente, a oggi, le cose, grazie anche all’evoluzione contemporanea, questo elemento ha subito un netto e drastico cambiamento.
Infatti, da quando è nato l’universo del web, della navigazione in rete, e soprattutto da quando sono nati quei dispositivi mobili che tutti utilizziamo, il concetto di verità ha subito la trasformazione che forse nessuno aveva mai ipotizzato. Ciò lo si ravvede nell’uso del web che si fa nei nostri giorni e ci potrebbero essere svariati esempi per rappresentarlo. 

Un esempio è dato dal metodo di ricerca che oggi si utilizza. Oggi quando abbiamo bisogno di trovare delle informazioni, la prima cosa che facciamo, è una ricerca veloce e rapida, in principio di “web smart”, sul mondo dell’informazione del web. Andiamo a cercare quelle informazioni che il più delle volte non corrispondono al vero ma trovandole in questo contenitore globale, sembrano che siano sacrosante verità.  In questa semplice struttura, troviamo, la ricerca di informazioni tramite il “feed notizie” di Facebook, che ci consiglia dei link pubblicati da fonti esterne. Notizie che prendono la nostra attenzione e ricevano quella visualizzazione, forse, anche inattesa.


In questo caso, una volta, che ci troviamo dinnanzi a una notizia su Facebook, la maggior parte delle volte, e per la maggior parte delle persone che navigano su questo social, si tratta di notizie ritenute di assoluta e certa verità, senza neanche controllare la fonte di provenienza del post letto. Poiché si trova sul social per antonomasia, quest’ultima si tinge subito di certezza al 100%.   Così nascono anche le famose “fake news”, e su questo blog ho già pubblicato un articolo sull’argomento delle notizie false, che puoi leggere da qui.



Tecnicamente la ricerca della verità, si è spostata, su un luogo prettamente detto, e qui rispondiamo alla domanda iniziale di questo post, che sono i social nel loro virtuoso e proficuo mondo dell’ online. Una ricerca che non si nutre di quegli elementi che sino a qualche anno addietro erano considerati fondamentali e di assoluta ricchezza umanistica, ma che si nutre di una semplice ricerca su una lente d’ingrandimento su un motore di ricerca sul web o su una piattaforma social. Il concetto di verità si è spostato riserbando così un altro modo di vivere il mondo.

E' un bene questo per la società? 
Rispondi a questa domanda e cerchiamo di riflettere insieme su questo tema.


Alessandro Bagnato
Esperto in Social Media Marketing e Comunicazione
Dott. In Filosofia e Scienze Umane
Founder  di BlogConnection

Share This Article:

, , , , , , ,
Posta un commento